Sul Faito con i bambini alla ricerca dell’autunno perduto

Regione: CampaniaProvincia: NapoliPunti e specie di interesse: faggi secolari, neviere e panorami. Possibilità di avvistare i corvi imperiali.Abbigliamento: da escursionismo, a strati, caldo a partire dall'autunno in quanto si superano i 1000 m di quotaAttrezzatura necessaria: acqua e colazione al sacco.Fontane: no Per i bambini che vivono in città le stagioni sono diventate qualcosa da... Continue Reading →

Non perdiamoci le stagioni!

Nelle città sempre più soffocate dal cemento le giornate scorrono le une uguali alle altre e ci si accorge dell'arrivo dell'estate o dell'inverno solo in virtù dell'arrivo delle vacanze. Così le stagioni non fanno più parte della vita dei bambini, sono diventate qualcosa da studiare sui libri di scuola, un ulteriore esercizio mnemonico che non... Continue Reading →

I giocattoli, una sfida per l’ambiente

Il gioco, si sa, è il primo diritto del bambino. Attraverso il gioco il bambino fa esperienza della vita, interpreta il mondo, costruisce se stesso. Ma si puó giocare senza inquinare? Oggi i giochi dei bambini pesano sul pianeta come un macigno e capire perché non è difficile, basti pensare ai materiali di cui sono... Continue Reading →

Chi ha paura degli insetti?

Già, alla vista di un insetto come un'ape o un maggiolino o più in generale di un qualunque artropode, nella maggior parte delle persone si accende una voce che grida "Uccidere!" ed ecco che giornali, scope e strofinacci si trasformano improvvisamente in improbabili strumenti di morte.Insomma, quel che si dice "ragionare con la pancia"... E con l'ignoranza.E già,... Continue Reading →

Come astronauti

"Mamma, sembra il mare!" “Non è il mare Maty, è la valle dell'Isclero. Prima eravamo laggiù, vedi?" "Come è diverso da qui..." La miopia è un difetto della vista che ci permette di mettere a fuoco solo ciò che è vicino, mentre il resto appare sfocato, confuso… invisibile fino a che non viene più preso... Continue Reading →

E i bambini?

Alle porte della fase 2 i bambini sono ancora i grandi assenti dall'emergenza Covid-19 e, nonostante l'istituzione di un apposito gruppo parlamentare, l'ennesima diretta TV neanche li nomina. Troppo poche, deboli ed isolate le voci che si sono alzate nel tentativo di ridare umanità a questa porzione scomparsa della popolazione e il mantra de "i bambini sono il futuro" si è scoperto essere un contenitore vuoto.

L’mpatto della natura sulla salute mentale

Gli occidentali? Una massa di psicopatici. È ciò che si potrebbe concludere, dati alla mano, analizzando il numero delle persone affette da patologie depressive. I dati di vendita degli psicofarmaci sono in costante aumento e i numeri sono ovunque preoccupanti. Nel mondo, ma prevalentemente in occidente, sono oltre 300 milioni le persone affette da depressione... Continue Reading →

A noi la pioggia piace!

A noi? A noi la pioggia piace! Allora, incuranti del maltempo, abbiamo indossato stivaletti e impermeabili e siamo andati a passeggiare nel bosco e, dopo aver saltato in ogni pozzanghera e corso nel prato bagnato, abbiamo raccolto un bottino preziosissimo: sei piccole ghiande di Leccio, sei promesse di una nuova vita! Così siamo tornati a... Continue Reading →

I bambini si muovo in fretta

I bambini si muovono in fretta. Il ruolo dell'azione psicomotoria verso lo sviluppo e l'autonomia. Che cosa motiva l'azione psicomotoria del bambino? Quali sono i processi in gioco? Cos'è che il bambino mette in azione quando si muove? Sono queste le domande che si pongono Bernard Aucouturier e Gérard Mendel, due studiosi di orientamento diverso,... Continue Reading →

Mattia e il suo primo trekking

Mattia, 25 mesi la prossima settimana, ha percorso ieri il suo primo trekking di montagna da Piazzale dei Capi sul Monte Faito, in cresta fino al Santuario di San Michele Arcangelo. Circa 3 ore di cammino per 166 metri di dislivello. Lo ha percorso da solo, venendo in braccio solo nei piccoli tratti troppo scoscesi.... Continue Reading →

La cultura dell’educazione

Tratto da "La cultura dell'educazione" di Jerome Bruner, Edizioni Feltrinelli "Le scuole si devono proporre semplicemente di riprodurre la cultura, di uniformare i giovani a uno stesso stile, trasformandoli in tanti piccoli americani o tanti piccoli giapponesi oppure, in considerazione delle trasformazioni radicali che stiamo vivendo, le scuole farebbero meglio a dedicarsi all'ideale altrettanto rischioso... Continue Reading →

Muoversi nella natura

"Muoversi nella natura non è pericoloso, anzi, fa scoprire le potenzialità del proprio corpo e amplia la visione dello spazio allenando lo sguardo e la capacità di cogliere stimoli ambientali. Ogni giorno, guardando i bambini della scuola primaria, mi chiedo: perché vanno a sbattere contro ogni cosa? Perché non calcolano le distanze? Perché non riescono... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑