0

Alla scoperta della duna

Oggi con i bambini del 3° Circolo Didattico di Mondragone siamo andati alla scoperta del Fratino e del suo habitat: la duna sabbiosa mediterranea. Il comune di Mondragone è infatti uno degli ultimi territori in Campania a conservare la duna mediterranea e ad ospitare l’ultima popolazione di Fratino, Charadrius alexandrinus, che resiste con appena una dozzina di coppie localizzate in soli tre Continua a leggere

Annunci
1

Farfalle spargisemi

Oggi con i bambini del modulo di educazione ambientale del progetto “Scuola viva”, attivato per il secondo anno consecutivo dall’Istituto Comprensivo “A. Manzi” di Calitri (AV), abbiamo parlato della magia dell’impollinazione. Partendo dalle parti della pianta e dalle loro funzioni abbiamo prima di tutto compreso la differenza tra seme e polline, concetto che può sembrare banale ad un adulto ma che invece molti bambini confondono, cosí come indicato quasi sempre dai questionari di ingresso che somministriamo all’inizio di ogni progetto. Chiarito questo ci siamo dedicati ai diversi metodi di impollinazione delle piante e, quindi, ci siamo concentrati su quella operata dagli insetti pronubi. La riflessione é venuta spontanea: il fatto che qualcuno abbia un aspetto che troviamo bruttino non vuol dire che non sia nostro amico, anzi! E gli insetti impollinatori, che spesso hanno un aspetto non proprio rassicurante, lo sono senz’altro! Cosí abbiamo cominciato a guardare con occhi diversi api, bombi, osmie, xilocope e tutti gli altri esseri alati che, con un lavoro invisibile e silenzioso, garantiscono la riproduzione delle piante, sostengono intere catene alimentari e, non ultimo, ci permettono di alimentarci. Purtroppo però abbiamo anche scoperto che tanti tra questi piccoli amici non se la passano benissimo a causa di alcuni adulti irresponsabili che continuano a distruggere il loro ambiente, ad avvelenare i campi con insetticidi ed erbicidi e ad ucciderli appena gli capitano a tiro. Come fare allora per tendere una mano a questi alleati alati e cercare di limitare un po’ il danno? Semplice, seminiamo prati ovunque! In giardino, sul balcone, sul davanzale, nell’aiuola incolta per strada, ogni luogo é buono per seminare piante utili ai nostri amici e piacevoli per i nostri occhi! Che poi, tra l’altro, come fanno a chiamarle erbacce quando hanno dei fiori cosí meravigliosi e cosí benefici?! Non c’è dubbio: i nostri adulti hanno invertito l’ordine delle priorità! Cosí in un battito d’ala (ma membranosa, eh!) l’aula si é trasformata in una fabbrica di coloratissime farfalle che, invece di spargere pollini, spargono…semi!

Ognuno ha infatti scelto i propri colori e ha creato le proprie decorazioni ma ogni farfalla é stata dotata di un serbatoio carico di semi di zinnia, borragine, calendula, timo, tarassaco e tanti, tantissimi altri fiori di campo che, oltre a dare una mano agli insetti che vivono vicini alle nostre case, punteggeranno di colori la nostra città spezzando un pò la monotonia dell’asfalto e rendendola piú bella e accogliente non solo per gli insetti ma anche per noi. E con chi piantare questi bellissimi fiori se non con i nostri genitori? Ecco, se possiamo capire noi l’importanza degli insetti possono farlo anche loro, basta coinvolgerli! E basta spiegare anche a loro quanto sono belli, utili e importanti! E alla fine dell’attività tutti a scrivere sul proprio quaderno il racconto della giornata: di cosa abbiamo parlato? Cosa abbiamo fatto? Perché lo abbiamo fatto? Quanto ci é piaciuto? Perché spesso, soprattutto se siamo piccoli, abbiamo bisogno di fermarci un attimo e ripensare alle cose per attribuire loro il senso piú profondo e capire che abbiamo costruito qualcosa di importante. E oltre al racconto c’è chi ha fatto di piú: la piccola Roberta é stata talmente ispirata da questa attività che ne ha lasciato traccia cosí:

Non c’è dubbio, noi amiamo gli insetti!

0

ball di muschio

aboutgarden

Mi piacciono molto le sfere da utilizzare come decorazioni, nel boscogiardino ne ho sistemata qua e là qualcuna di terracotta, vorrei presto farne altre in cemento, tempo fa vi avevo raccontato come fare delle sfere utilizzando le bellissime foglie color argento della Stachys lanata e a dicembre ho preparato quelle di muschio. 

ball di muschioCon le sfere di muschio potete creare allestimenti molto suggestivi, sono semplici da realizzare e sono molto belle quando il muschio è fresco e mantengono il loro fascino anche quando sarà essiccato. 

Ecco cosa occorre:

  • Muschio fresco(da acquistare dal fiorista o se raccolto in natura accertatevi delle leggi in materia in quanto ogni regione stabilisce un minimo quantitativo)
  • Carta straccia e di quotidiano
  • Fil di ferro da fiorista.appallottolare carta ball di muschio

bagnare carta sfera di muschioAppallottolate le carte e bagnate con acqua man mano che procedete per aumentare il volume della sfera.

aggiungere muschio ball di muschioAssicuratevi che il muschio sia umido (altrimenti bagnatelo con uno spruzzino) e…

View original post 60 altre parole

0

Piccolo seeds, semi per piccoli spazi

aboutgarden

Per chi ha piccoli spazi e grandi passioni,
Piccolo Seeds ha selezionato particolari semenze per coltivare specie o cultivar di piante compatte, appositamente pensate per la crescita in vaso e adatte per l’orto in terrazzo. Le varietà di piante sono disponibili in 24 bustine racchiuse ognuna in confezioni dal packaging molto accattivante realizzato in materiale sostenibile.

Piccolo Veg foto 1 S.Chiarugi

Piccolo Veg foto 4 S.Chiarugi

La collezione propone semi di ortaggi, frutti, erbe aromatiche e fiori edibili, come il Cetriolo Spacemaster, la Melanzana Slim Jim o il Basilico Red Rubin, oppure Timo De Provence, Menta Moroccan Spearmint, Borragine Blue and White e ancora Nasturzio Blue Pepe e l’Erba gattaCatnip

All’interno della confezione sono riportate indicazioni preziose per la crescita della pianta, relative l’esposizione o il tipo di suolo necessario alla sua coltivazione, ma anche informazioni che normalmente non vengono segnalate ma sono importantissime come quelle relative il tempo e la temperatura di geminazione, di quanta acqua ha bisogno la…

View original post 136 altre parole

1

riciclare le bucce degli agrumi

aboutgarden

In questa stagione
consumo volentieri molte spremute di agrumi con la conseguenza di ritrovarmi con tante bucce che non posso gettare nell’indiferrenziata e nemmeno nel compost. Le bucce sono infatti difficili da smaltire nel compost in quanto hanno uno spessore che ne rallenta il processo di decomposizione e soprattutto se non sono di origine biologica, sono trattate con particolari cere e possono contenere sostanze antifermentanti che influenzano negativamente il risultato.

agrumi ad essiccare

Qualche giorno fa ho avuto un’idea per riciclare le bucce degli agrumi che voglio condividere con voi; approfittando dei termosifoni accesi, le ho fatte essiccare per bene posandocele semplicemente sopra e avendo cura di rigirarle ogni tanto.

bucce di agrumi secchi

Durante il processo di essiccazione rilasciano in casa un piacevole profumo, in seguito potete conservarle per utilizzarle come ottimo starter per accendere il fuoco della stufa o del camino. Se non avete ne l’una né l’altro potete magari regalarle a qualche amico!

stufa

Chi si…

View original post 24 altre parole

0

Gli adattamenti degli animali

“La natura non fa nulla di inutile”

                                                             Aristotele

Adattamenti animaliStamattina assieme ai piccolissimi amici della scuola materna e della prima elementare dell’IC “Manzi” di Calitri siamo andati alla scoperta degli adattamenti degli animali, un meraviglioso viaggio tra le forme della vita per scoprire assieme che, se si è fatti così, c’è un perché! Dopo un breve momento introduttivo in cui i bambini hanno compreso il significato Continua a leggere

1

Alla scoperta del suolo!

“Il suolo è uno dei beni più preziosi dell’umanità. Consente la vita dei vegetali, degli animali e dell’uomo sulla superficie della terra”

Carta Europea del Suolo, Consiglio d’Europa, 1972

Oggi assieme ai ragazzi delle terze medie dell’Istituto Comprensivo “I. Manzi” di Calitri, provenienti da Conza della Campania, Sant’Andrea di Conza e Calitri, siamo andati alla scoperta della composizione del suolo e lo abbiamo fatto in un luogo molto speciale: l’Oasi WWF Lago di Conza (AV), un’area protetta ricca di biodiversità che, per l’occasione, si è trasformata in un vero e proprio laboratorio scientifico all’aperto! Le domande che ci siamo Continua a leggere